Categorie
Atlante Re-Cycle
Eventi
Pubblicazioni
Estratti

Tag
riciclasi capannoni // città diffusa // metabolismo urbano // perturbante // subcycle // atlante re-cycle // emilia romagna // massimo angrilli // estetica // gianni celestini // sistemi idrografici // chiara rizzi // trasformazione dell'esistente // enrico formato // andrea gritti // re-cycle op-positions // valle del piave // paradigma // suolo // forte quezzi // dialettica // traduzione // economia // puglia // strada statale 18 // glasgow // franco zagari // metamorfosi // resilienza // pubblico/privato // collage // aterno // paesaggio umano // trasporto pubblico // infrastrutture minori nei territori dell'abbandono // interprete // mappe // infrastruttura ambientale // Genoa // mauro berta // creatività // scarti // fabrizia ippolito // manuel gausa // towards a pro-active manifesto // napoli // tevere // paesaggi dell'abbandono // maurizio carta // urbanistica // human smart city // enunciati // territorio // sulmona-l'aquila // recycle veneto // ilaria valente // antonia di lauro // workshop // architettura nuova // green infrastructure // gianpaola spirito // anna lei // consumo di suolo // quaderni // progetto urbanistico // progetto // post-welfare // energie rinnovabili // professione architetto // tessuto produttivo // agricoltura // revival // biscione // reti fluviali // federico zanfi // progetto agriurbano // emanuele sommariva // jeanette sordi // pippo ciorra // grande guerra // jörg schröder // goa manifesto // scheletri. riciclo di strutture incompiute // viaggio in italia // paola misino // ecocampus // rifiuti // claudia battaino // lorenzo fabian // community // anna attademo // giovanni corbellini // spazi in attesa // archistar // rigenerazione // total recycle process // teorie disegnate // territori fragili // infrastrutture // politico // total recycle design // capannoni industriali // ludovico romagni // fondo sociale europeo // ideologia dominante // coda della cometa // etica // città contemporanea // alberto bertagna // roma // uso // patrimonio // giovanna mangialardi // piemonte // pile // vincenzo bagnato // vincenzo gioffrè // antonio de rossi // gestione dei rifiuti // borghi rurali // crisi // lombardia // il territorio degli scarti e dei rifiuti // artificializzazione // partecipazione // ruderi // letteraventidue edizioni // questione ambientale // territori interni // Foucault // marco d'annuntiis // mobilità leggera // infrastrutture del territorio // post-produzione // utopia // landscape urbanism // francesca pignatelli // parassita // recycle // riduzione // riciclo // urban hyper-metabolism // in-between // noto // massimiliano giberti // ri-ciclo // fascia pedemontana // orti urbani // abbandono // Europa // ambiente // true-topia // linee di pensiero // paola viganò // luigi coccia // trama urbana // città // dispersione insediativa // montaggio // sara marini // bonifica // cicli di vita // upcycle // smart land // cultura // pierre donadieu // ferrovia // genova // the laboratory city // nuovi cicli di vita per architetture e infrastrutture della città e del paesaggio // significato // federica amore // matera // Calabria // design // dismissione // piero ostilio rossi // appennini // jazz // clyde // unheimlich // industrializzazione // humanities // esperienza urbana // innovazione // maria valeria mininni // stratificazione // venezia // renato bocchi // progetti di riciclo // comunità // alan hooper // identità // riuso // autore // consuelo nava // stefano munarin // realtà // democrazia // restauro // nord est // elisabetta nucera // paradosso // andrea bruschi // strategia // monti sicani // filiera // aree periurbane // asfalto // eterotopia // nicola martinelli // pratica nota // economico // roberto secchi // pianificazione // società // people meet in the Re-cycled city // footprint // innovativo // città ideale // marco bovati // spazi post-industriali // sostenibilità // chiara merlini // münchen // sviluppo locale // francesco marocco // barbara coppetti // reti logistiche // adriano paolella // mosé ricci // waste // iuav // paesaggio // hannover // pepe barbieri // comunicazione // territorio veneto // costa sud // rosario pavia // spazi interstiziali // reti ferroviarie // mira // recycland // dibattito // ecologico // elisa beordo // lina malfona // sara favargiotti // hyper-cycling // frammento urbano // drosscape // sprawl // raffaella fagnoni // ricerca // veneto // enrica corvino // regista // potenzialità // drawn theories // trasformazione // architettura // agro-ecologia // utopie del reale // dinamiche insediative // multiscalarità // palermo // turinsmo // as found // stefania camplone // abitanti // periferie // tempo // autoriale // paola guarini // orazio carpenzano // reggio calabria // pro-getto // realismo magico // strategie // politiche urbane // merzbau // calcestruzzo // città adriatica // telai territoriali // agriurbanismo // aquilano // productive grounds transalpine trajectories // territori in contrazione // mario morrica // paesaggi estrattivi // imperativo // morfologia urbana // arturo lanzani // mauro francesco minervino // mito // massimo crotti // do-it-yourself // abruzzo // emilia corradi

Re-Cycle Italy. Progetto di nuovi cicli di vita per le città del XXI secolo Convegno internazionale, Università Iuav di Venezia, 29-30 settembre 2016

recycle-italy-save-the-date

Re-Cycle Italy. Progetto di nuovi cicli di vita per le città del XXI secolo
Convegno internazionale, Università Iuav di Venezia, 29-30/09/2016
Con l’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Venezia e il patrocinio della Fondazione Francesco Fabbri

Il convegno segna la conclusione della ricerca triennale Prin Re-cycle Italy. Nuovi cicli
di vita per architetture e infrastrutture della città e del paesaggio
, che ha visto la partecipazione di numerosi ricercatori di 11 università italiane: Università Iuav di Venezia, Politecnico di Torino, Politecnico di Milano, Università di Genova, Università di Trento, Università di Camerino, Università di Chieti-Pescara, Università di Roma Sapienza, Università di Napoli Federico II, Università Mediterranea di Reggio Calabria, Università di Palermo.

Scarica la locandina e il programma dettagliato


Il programma triennale di ricerca Recycle Italy: Nuovi cicli di vita per architetture e infrastrutture della città e del paesaggio ha voluto operare su una linea di integrazione fra le istanze di “cultura intrinseca” provenienti dalla riflessione sui fondamenti e sul ruolo delle discipline “umanistiche” del progetto architettonico urbano e del paesaggio e l’urgente domanda proveniente dalla società contemporanea di trovare modi e metodi per arrestare i fenomeni di consumo di suolo e di spreco delle risorse e per affermare, anche nel campo delle trasformazioni edilizie urbane e del paesaggio, una “eco-logica” ispirata ai concetti della triade Reduce-Reuse-Recycle, ormai largamente affermata nel campo della cosiddetta Green Economy. Nelle strategie della rigenerazione urbana e del paesaggio, alle tre R del cosiddetto “riciclo eco-efficiente” appena richiamate sembrano così potersi utilmente accostare le tre E delle più illuminate posizioni etico-politiche: Economy, Equity, Environment, ovverosia, in altre parole, crescita economica congiunta a equità sociale e a rispetto e tutela dell’ambiente.

Il concetto di nuovo ciclo di vita si propone come possibile costruttore di un nuovo scenario futuro dei modelli insediativi e del loro rapporto con i paesaggi italiani del XXI secolo insistendo sulla messa a punto di “nuovi paradigmi”, di una mappatura e lettura “inversa” o comunque non-convenzionale delle città e dei territori. Si è cercato dunque di elaborare visioni rinnovate e strategiche capaci di informare la filosofia e le tecniche di lettura ma anche gli strumenti di governo dei fenomeni di trasformazione in atto, in cui possano trovare nuovo senso anche parole d’ordine assai ricorrenti, quali sostenibilità, smart city, paesaggio.

Allo stesso tempo il concetto di ri-ciclo, in termini più tecnici e strumentali, vuole anche proporsi come chiave di volta per azioni mirate, “tattiche”, molto spesso compiute secondo interventi “dal basso”, capillari, “omeopatici”, infiltranti il corpo delle città e dei territori. Si tratta perciò di innescare e attuare progressivamente “processi” rigeneratori, nei quali giocano di nuovo un ruolo, da un lato, la “creatività” del progetto e della “visione” e dall’altro il pragmatismo dell’azione concreta e dell’innesco di processi di trasformazione dell’esistente (con l’intervento anche di meccanismi e incentivi di tipo economico-fiscale, normativo-legislativo e di precise politiche; insomma con una precisa agenda operativa).

In questa prospettiva anche gli “scarti” dello sviluppo territoriale – siano essi infrastrutture o edifici dismessi abbandonati o obsoleti – possono diventare patrimonio prezioso per il progetto, perché la novità del ri-ciclo – nei confronti di altri concetti più o meno correnti come quelli di recupero, riuso, riqualificazione, o anche ricucitura e rammendo – sta proprio in questa capacità creativa e re-inventiva (la stessa che viene da tempo proposta nei campi dell’arte o del design) che riporta a una dimensione profondamente umanistica e non piattamente tecnica l’operatività del ri-ciclo architettonico e urbano-territoriale o dello stesso paesaggio. Ben oltre la “modificazione”, a favore di una più sostanziale e ambiziosa re-invenzione o ri-creazione.

Renato Bocchi