Categorie
Atlante Re-Cycle
Eventi
Pubblicazioni
Estratti

Tag
roma // ferrovia // politiche urbane // suolo // piemonte // landscape urbanism // dialettica // monti sicani // pianificazione // napoli // sprawl // anna attademo // anna lei // adriano paolella // abitanti // vincenzo bagnato // esperienza urbana // veneto // progetto urbanistico // realismo magico // questione ambientale // federico zanfi // smart land // marco bovati // asfalto // pile // etica // in-between // riciclo // ecocampus // dispersione insediativa // cultura // creatività // workshop // green infrastructure // traduzione // maurizio carta // reggio calabria // gianpaola spirito // democrazia // imperativo // ecologico // münchen // periferie // reti ferroviarie // territorio // chiara merlini // sara marini // parassita // enrico formato // alberto bertagna // Foucault // potenzialità // giovanni corbellini // paola misino // Europa // sviluppo locale // mobilità leggera // crisi // marco d'annuntiis // scheletri. riciclo di strutture incompiute // atlante re-cycle // spazi post-industriali // autoriale // stefano munarin // ricerca // fondo sociale europeo // progetti di riciclo // arturo lanzani // trasformazione // clyde // rosario pavia // strategia // consumo di suolo // appennini // unheimlich // drawn theories // total recycle design // alan hooper // paesaggi estrattivi // reti fluviali // progetto agriurbano // pierre donadieu // chiara rizzi // enunciati // pepe barbieri // architettura nuova // trasformazione dell'esistente // puglia // agriurbanismo // ambiente // nuovi cicli di vita per architetture e infrastrutture della città e del paesaggio // archistar // frammento urbano // manuel gausa // eterotopia // subcycle // tessuto produttivo // comunicazione // città diffusa // humanities // glasgow // emilia romagna // trama urbana // dismissione // mauro francesco minervino // territorio veneto // maria valeria mininni // urban hyper-metabolism // riciclasi capannoni // abruzzo // bonifica // paradosso // renato bocchi // territori fragili // fabrizia ippolito // professione architetto // multiscalarità // restauro // identità // mosé ricci // antonio de rossi // design // paola viganò // urbanistica // turinsmo // infrastrutture del territorio // sulmona-l'aquila // partecipazione // ideologia dominante // post-welfare // perturbante // energie rinnovabili // mappe // post-produzione // goa manifesto // recycle // comunità // enrica corvino // città contemporanea // gianni celestini // metabolismo urbano // paesaggio umano // strada statale 18 // mauro berta // collage // andrea bruschi // towards a pro-active manifesto // costa sud // emilia corradi // elisabetta nucera // territori in contrazione // montaggio // lombardia // noto // federica amore // quaderni // riduzione // sistemi idrografici // infrastruttura ambientale // as found // emanuele sommariva // massimo crotti // ilaria valente // innovazione // sara favargiotti // footprint // realtà // antonia di lauro // mario morrica // città // il territorio degli scarti e dei rifiuti // francesco marocco // palermo // raffaella fagnoni // riuso // lina malfona // orazio carpenzano // stefania camplone // tevere // mito // vincenzo gioffrè // piero ostilio rossi // calcestruzzo // hannover // elisa beordo // aree periurbane // biscione // uso // forte quezzi // città ideale // genova // upcycle // true-topia // paesaggio // andrea gritti // stratificazione // infrastrutture minori nei territori dell'abbandono // innovativo // valle del piave // orti urbani // capannoni industriali // luigi coccia // pratica nota // linee di pensiero // strategie // reti logistiche // agro-ecologia // lorenzo fabian // letteraventidue edizioni // grande guerra // iuav // re-cycle op-positions // francesca pignatelli // pippo ciorra // claudia battaino // paesaggi dell'abbandono // utopia // ri-ciclo // the laboratory city // autore // recycland // interprete // città adriatica // pro-getto // human smart city // dibattito // aquilano // borghi rurali // barbara coppetti // sostenibilità // productive grounds transalpine trajectories // revival // telai territoriali // viaggio in italia // estetica // società // nicola martinelli // aterno // community // dinamiche insediative // patrimonio // gestione dei rifiuti // fascia pedemontana // rigenerazione // architettura // nord est // territori interni // massimo angrilli // ruderi // consuelo nava // matera // abbandono // Calabria // ludovico romagni // tempo // spazi in attesa // infrastrutture // mira // scarti // do-it-yourself // paradigma // filiera // paola guarini // jazz // teorie disegnate // Genoa // giovanna mangialardi // franco zagari // recycle veneto // economico // utopie del reale // jörg schröder // artificializzazione // morfologia urbana // rifiuti // total recycle process // drosscape // massimiliano giberti // economia // trasporto pubblico // metamorfosi // resilienza // coda della cometa // pubblico/privato // progetto // venezia // agricoltura // roberto secchi // merzbau // regista // people meet in the Re-cycled city // politico // spazi interstiziali // significato // cicli di vita // industrializzazione // waste // hyper-cycling // jeanette sordi

Il progetto

Tema

In linea con gli obiettivi di Horizon 2020 e con le politiche strategiche di Europe 2020, e in conformità con le indicazioni della Convenzione Europea del Paesaggio, la ricerca intende esplorare le ricadute operative del processo di riciclaggio sul sistema urbano e sulle tracce di urbanizzazione che investono il territorio affinché questi “materiali” tornino a far parte, insieme al sistema ambientale, di un unico metabolismo. L’ipotesi di conservare la “risorsa urbana”, così come si conservano le foreste e i fiumi, naturalizza il fenomeno, ma rappresenta un passaggio fondamentale nelle politiche e nei progetti per la città. Riconosce l’esistenza di una progressione, dalla nascita all’invecchiamento, ma allo stesso tempo reagisce al declino sostenendo la possibilità e l’utilità di progetti, politiche e pratiche capaci di attivare nuovi cicli di vita.

Obiettivi

Uno dei primi obiettivi della ricerca è costruire un quadro articolato di saperi intorno al tema del riciclaggio, un insieme di conoscenze e culture capaci di sviluppare e proporre sinergicamente modi norme e regole d’intervento sul costruito. Le discipline più presenti all’interno del progetto, attorno alle quali si è costruito il gruppo di lavoro, sono la progettazione architettonica e urbana (ICAR/14) e l’urbanistica (ICAR/21), due settori che tradizionalmente si occupano della costruzione della città e che ne definiscono i dispositivi di trasformazione ma che solo negli ultimi anni hanno ritrovato intorno al concetto di paesaggio un campo di lavoro comune, con l’apporto anche dell’architettura del paesaggio (ICAR/15). Si intende dunque anzitutto raccogliere le ricerche e le esperienze sviluppate in questi anni intorno alla questione del paesaggio, capaci di superare la mera distinzione di scala del progetto, di accogliere la complessità del reale e di rispondere alle emergenze che quotidianamente definiscono il rapporto tra sistema urbanizzato e ambientale, per impostare e precisare una strategia del fare città e architettura che si fondi sulla pratica del riciclaggio. Le tre discipline, che lavoreranno di concerto con gli altri saperi legati al processo di trasformazione del territorio (dalla tecnologia alla storia, dalla pianificazione all’agronomia etc.), sono chiamate a rivedere in primo luogo i propri strumenti analitici, per rileggere la realtà del territorio italiano con lo sguardo rivolto alle possibilità che ancora offre il patrimonio esistente: un viaggio in una nazione profondamente mutata negli ultimi vent’anni che deve trovare direzioni di sviluppo altre da quelle fino ad ora impostate sul continuo consumo di suolo. In secondo luogo si indirizzeranno all’individuazione di politiche, dispositivi operativi, pratiche e tattiche integrate tra loro capaci di disegnare scenari di mutamento compatibili con le nuove esigenze e sensibilità della contemporaneità e azioni di intervento sui materiali ereditati da un passato recente.

Stato dell’arte

Due sono le questioni chiave che concorrono alla definizione dello stato dell’arte relativo al tema del riciclaggio dell’esistente: l’abbandono progressivo del costruito nelle città della post-produzione e la nuova dimensione ecologica urbana. Le due tematiche, fortemente connesse alla contingenza economica che caratterizza il nuovo millennio, sono esplorate in un apparato bibliografico che dagli Stati Uniti d’America arriva, con l’acuirsi della crisi europea, anche nel nostro continente. Mentre le applicazioni concrete, le realizzazioni di riciclaggi di strutture esistenti, si moltiplicano in alcuni contesti (innescate da normative favorevoli, come nella Convertible City tedesca, o accompagnate da una particolare attenzione sociale come nel caso della High Line di New York), risultano invece assenti sia un apparato scientifico-teorico articolato e coerente che una diffusione del tema nel mondo della costruzione. In termini bibliografici, la strategia del riciclaggio caratterizza soprattutto ricerche d’arte e di tecnologia: manca una sua sistematizzazione e soprattutto una chiarificazione di come possa opportunamente condizionare il modo di immaginare e costruire la città, traducendosi in legge, in un vantaggio economico, ecologico, sociale.

02