Categorie
Atlante Re-Cycle
Eventi
Pubblicazioni
Estratti

Tag
fascia pedemontana // enrico formato // anna lei // energie rinnovabili // regista // federica amore // montaggio // progetto agriurbano // significato // marco d'annuntiis // consuelo nava // calcestruzzo // strada statale 18 // etica // multiscalarità // dibattito // infrastrutture del territorio // tempo // atlante re-cycle // ecologico // antonio de rossi // nuovi cicli di vita per architetture e infrastrutture della città e del paesaggio // morfologia urbana // emilia romagna // pianificazione // suolo // green infrastructure // andrea gritti // do-it-yourself // massimo crotti // riciclasi capannoni // metabolismo urbano // Foucault // unheimlich // waste // lombardia // pro-getto // archistar // autore // politico // ruderi // perturbante // territori in contrazione // glasgow // economia // sistemi idrografici // drawn theories // iuav // pierre donadieu // città // drosscape // parassita // sprawl // potenzialità // noto // reti logistiche // goa manifesto // Europa // frammento urbano // asfalto // mario morrica // ecocampus // mauro berta // ambiente // innovazione // mauro francesco minervino // design // alan hooper // post-produzione // comunità // human smart city // lorenzo fabian // clyde // francesco marocco // spazi in attesa // pippo ciorra // borghi rurali // infrastrutture minori nei territori dell'abbandono // renato bocchi // riduzione // chiara merlini // patrimonio // sara marini // interprete // esperienza urbana // ilaria valente // creatività // revival // società // città ideale // elisa beordo // münchen // scheletri. riciclo di strutture incompiute // gestione dei rifiuti // eterotopia // in-between // crisi // pratica nota // gianni celestini // tevere // trasporto pubblico // roberto secchi // mito // pepe barbieri // orazio carpenzano // venezia // giovanna mangialardi // periferie // re-cycle op-positions // ferrovia // aquilano // professione architetto // cicli di vita // towards a pro-active manifesto // ludovico romagni // stefania camplone // hannover // federico zanfi // traduzione // capannoni industriali // upcycle // paesaggio umano // città adriatica // architettura // rosario pavia // anna attademo // paola viganò // territorio // cultura // jeanette sordi // manuel gausa // coda della cometa // bonifica // paradigma // progetto // enunciati // abbandono // stefano munarin // enrica corvino // reggio calabria // elisabetta nucera // aterno // lina malfona // workshop // identità // partecipazione // mosé ricci // autoriale // as found // vincenzo bagnato // progetto urbanistico // stratificazione // riciclo // pubblico/privato // il territorio degli scarti e dei rifiuti // chiara rizzi // dialettica // resilienza // appennini // politiche urbane // rigenerazione // raffaella fagnoni // ideologia dominante // subcycle // pile // roma // maria valeria mininni // sara favargiotti // veneto // urban hyper-metabolism // infrastrutture // landscape urbanism // andrea bruschi // people meet in the Re-cycled city // maurizio carta // agricoltura // dispersione insediativa // mobilità leggera // dinamiche insediative // teorie disegnate // matera // città contemporanea // emilia corradi // infrastruttura ambientale // realtà // emanuele sommariva // post-welfare // industrializzazione // recycle // the laboratory city // hyper-cycling // monti sicani // aree periurbane // agro-ecologia // footprint // reti fluviali // economico // questione ambientale // claudia battaino // massimo angrilli // paesaggi dell'abbandono // linee di pensiero // strategia // paradosso // gianpaola spirito // napoli // grande guerra // piero ostilio rossi // productive grounds transalpine trajectories // scarti // architettura nuova // ricerca // fondo sociale europeo // puglia // telai territoriali // nicola martinelli // francesca pignatelli // recycle veneto // antonia di lauro // dismissione // paola guarini // spazi post-industriali // turinsmo // palermo // abruzzo // estetica // piemonte // marco bovati // paola misino // franco zagari // forte quezzi // democrazia // total recycle design // fabrizia ippolito // quaderni // tessuto produttivo // territori fragili // giovanni corbellini // strategie // Genoa // trama urbana // riuso // restauro // merzbau // Calabria // sostenibilità // utopie del reale // luigi coccia // territori interni // comunicazione // jazz // biscione // arturo lanzani // utopia // adriano paolella // valle del piave // vincenzo gioffrè // costa sud // collage // sviluppo locale // smart land // genova // massimiliano giberti // uso // nord est // metamorfosi // paesaggi estrattivi // reti ferroviarie // rifiuti // recycland // agriurbanismo // territorio veneto // abitanti // artificializzazione // innovativo // total recycle process // trasformazione dell'esistente // orti urbani // consumo di suolo // spazi interstiziali // città diffusa // filiera // jörg schröder // trasformazione // urbanistica // alberto bertagna // paesaggio // mira // true-topia // humanities // barbara coppetti // sulmona-l'aquila // community // ri-ciclo // letteraventidue edizioni // realismo magico // viaggio in italia // mappe // imperativo // progetti di riciclo

Il riciclo strategico. Memorie della Grande Guerra e stratificazioni del paesaggio veneto contempora

A cura di Andrea Iorio

Il riciclo strategico è il trentunesimo volume della collana Re-cycle Italy. La collana restituisce intenzioni, risultati ed eventi dell’omonimo programma triennale di ricerca – finanziato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – che vede coinvolti oltre un centinaio di studiosi dell’architettura, dell’urbanistica e del paesaggio, in undici università italiane. Obiettivo del progetto Re-cycle Italy è l’esplorazione e la definizione di nuovi cicli di vita per quegli spazi, quegli elementi, quei brani della città e del territorio che hanno perso senso, uso o attenzione. Di fonte alla straordinaria e capillare diffusione di tracce lasciate dalla Grande guerra nel territorio del Triveneto, l’approfondimento parte dal rilevarne la sostanziale fragilità, dovuta non solo all’opera del tempo che ha causato inesorabilmente il disgregarsi di strutture di cemento e ferro realizzate per resistere all’urto di artiglierie potentissime, ma dovuta soprattutto al venire meno di quelle trame di relazioni fisiche, visive e simboliche che tenevano insieme campi di battaglia, retrovie e, in seguito, luoghi della memoria. Ripercorrere le storie di alcuni di quei legami, prestando particolare attenzione ai tracciati infrastrutturali trasformati o dismessi, costituisce l’occasione per esplorarne di nuovi con le attuali modalità di attraversamento di un territorio caratterizzato da un’apparentemente inestricabile stratificazione.

Pagine: 112
Formato: 14,8 x 21
Data pubblicazione: Settembre 2016
Editore: Aracne
ISBN: 978-88-548-9654-3

Acquista online

Estratti da Il riciclo strategico. Memorie della Grande Guerra e stratificazioni del paesaggio veneto contempora